1. La pignolata glassata è una montagnetta di gnocchetti fritti consistenti all’esterno ma dal cuore abbastanza friabile che viene cosparsa per metà con una glassa al cioccolato e per l’altra metà con una glassa al limone. Risalente al periodo della dominazione spagnola in Sicilia, quando per volontà dell’aristocrazia straniera i pasticceri messinesi rielaborarono l’antica pignoccata o pignolata al miele, questo dolce di facile preparazione e piacevole croccantezza è diffuso nell’intero territorio messinese e a Reggio Calabria. Un tempo la pignolata glassata rientrava fra i tanti dolci che si preparavano esclusivamente a Carnevale, ma oggi chiude sempre più spesso ogni banchetto festivo dei messinesi ed è venduto dalle pasticcerie locali durante tutto l’anno.

Pignolata messinese | Dolci Siciliani

Ingredienti

Per la pignolata:

  • 750 g di farina 00
  • 10-12 tuorli d’uovo
  • 100 ml di alcool puro per dolci
  • 75 g di zucchero
  • Strutto per friggere q.b.

Per la glassa al cioccolato:

  • 300 g di zucchero a velo
  • 300 g di cacao amaro
  • 150 g di burro
  • Acqua q.b.
  • Vaniglia q.b.
  • Cannella q.b.

Per la glassa al limone:

  • 400 g di zucchero a velo
  • Succo di 4 limoni
  • 4 albumi d’uovo

Informazioni sulla pignolata messinese

  • Calorie per 100 g
    298
  • Grassi per 100 g
    9 g
  • Carboidrati per 100 g
    52 g
  • Proteine per 100 g
    7 g
  • Fibre per 100 g
    6 g

Preparazione della pignolata messinese

Per la pasta della pignolata messinese

In una terrina sbattere con energia i tuorli d’uovo, lo zucchero e l’alcool, quindi aggiungere poco per volta la farina amalgamando fino a ottenere un impasto omogeneo e consistente che tenderà a staccarsi dalle pareti della terrina.

Successivamente stendere l’impasto su di una spianatoia formando dei bastoncini dello spessore di 7-10 mm. Quindi tagliare i bastoncini in tocchetti lunghi circa un paio di centimetri ciascuno.

Friggere poco per volta i tocchetti della pignolata in abbondante strutto caldo, rigirandoli di tanto in tanto fino a farli dorare, e riporli infine su carta assorbente in modo che perdano il grasso in eccesso.

Per la glassa al cioccolato

In un pentolino posto su fiamma molto bassa sciogliere il burro e unire, poco per volta, lo zucchero a velo, la vaniglia, la cannella in polvere, il cacao setacciato e dell’acqua che andrà versata a filo fino a ottenere la giusta densità. Lasciare intiepidire.

Per la glassa al limone

Versare lo zucchero in un pentolino e scaldarlo a fiamma molto bassa fino a quando non comincerà a filare, quindi versarlo in una terrina e incorporarvi poco per volta gli albumi montanti a neve. Girare a lungo con un cucchiaio versando nel frattempo il succo dei limoni a filo fino a ottenere una glassa morbida e bianca.

Definizione della pignolata messinese

Dividere i tocchetti fritti della pignolata messinese in due porzioni uguali e amalgamare bene la prima porzione con la glassa al cioccolato tiepida e la seconda porzione con la glassa al limone. Dopodiché sistemare le due porzioni di pignolata su di un piatto da portata, l’una accanto all’altra in modo da formare un’unica montagnola bicolore, e lasciare che le glasse si asciughino per almeno un’ora prima di servire.

 

Leggi anche la ricetta della pignoccata palermitana

Ingredienti: